Crea sito

Extra

da L'Ultimo Uomo

Non gioco piĆ¹, me ne vado

Gli ultimi anni della carriera di Steffi Graf, tra vecchie e nuove rivali e la costante ricerca del colpo perfetto. Storia di un'atleta che ha incarnato l'archetipo del gioco del tennis.

[Continua a leggere]

8 aprile 2015

L'inarrivabile

Un 2015 quasi perfetto, a 33 anni il dominio di Serena Williams è totale.

[Continua a leggere]

8 maggio 2015

da Abbiamo le prove

C’è sempre un “lì” nella mia testa che si materializza come un cratere senza lava, un buco nero da cui si origina il movimento. So tutto, in teoria, su quell’oscillazione, ho imparato a memoria ogni nozione utile. So cosa fare, come proteggermi, i telefoni non prendono, la televisione non va, Internet non funziona, non c’è niente attorno tranne la natura rabbiosa e l’uomo che crolla davanti agli occhi o dietro alle spalle; a un metro, a un centimetro, a un millimetro di distanza si consuma la morte e si può vederla succedere, come al cinema.

[Continua a leggere]

22 settembre 2014

da Gli 88 folli

Olive Kitterdge. Vita, morte e miracoli. Soprattutto miracoli

Olive Kitteridge è una delle migliori serie tv dell’anno, prodotta da HBO e tratta dall’omonimo romanzo Premio Pulitzer di Elizabeth Strout (in Italia pubblicato da Fazi nel 2009). Le puntate, della durata di un’ora ciascuna, sono quattro e coprono venticinque anni della vita di Olive (Frances McDormand). 
E che vita.

[Continua a leggere]

18 marzo 2015

Cobain: Montage of Heck

Il 5 aprile 1994, T. ha dodici anni e sono ancora troppo pochi per capire esattamente: frequenta le scuole medie, sta sempre da sola, veste enormi e poco eleganti tute dell’Adidas nere o blu, porta la coda di cavallo bassa, legata da un elastico sottile che a volte le spezza i capelli, altre, invece, si mimetizza tra i riflessi delle ciocche castano scuro.

[Continua a leggere]

30 aprile 2015

Claus non fa mai merenda

da Personal report del 16 dicembre 2011

«Quello che vi state apprestando a leggere non è un fumetto, è una finestra. Una finestra con l’apertura a libro. È la prima finestra che costruisco, quindi si apre un po’ a fatica perché non ha un meccanismo intuitivo per l’apertura. Quel che vorrei sarebbe costruire una porta. Un giorno sarò in grado di costruirla». (Lapis Niger)

[Continua a leggere]