Crea sito

Racconti

Il passaggio a livello

Il rosso del passaggio a livello abbassato è un semaforo più scuro degli altri. Si deve vedere anche con la nebbia, senza luci, sulle strade statali come questa, con le curve e i tornanti.

[Continua a leggere]

L'abitudine

Ogni mattina, appena sveglio, mettevo su il caffè della moka da due tazze. La lasciavo sul fuoco basso, mentre mi facevo una doccia veloce; tornavo in tempo per vedere l’ultimo dito salire, lambire il bordo di metallo con qualche goccia e inalarne l’odore. Poi lo bevevo tutto, in una tazza da caffellatte senza latte. Infine mi preparavo la borsa, mettevo dentro la tuta, il ricambio della maglietta e almeno una volta al mese un regalo per mio nipote.

[Continua a leggere]

Un dito di liquore

Ho iniziato a usare i bicchierini rosa per bere il liquore prima di cena. Prima e dopo, ma soprattutto prima. Non è più il sorso a fine pasto che mi soddisfa, ma quello poco prima.

[Continua a leggere]

Denari

Facciamo un gioco. Io dico testa e tu croce, io uso sempre e solo la testa, per una volta lasciami scegliere, fammi scegliere testa. 

[Continua a leggere]

 

Zug

da Schegge di Liberazione 2011

La scorza di patate la mastico sempre troppo e diventa acida, mi si scompone in bocca e sa di amido, l’acido mi tappa lo stomaco e non ho più fame.

[Continua a leggere]

Resistenza di ceramica

da Schegge di Liberazione 2010

Com’è?
Buona.
Solo buona?

Nonna ci teneva proprio tanto: alla fine delle conserve, alla fine dell’imbottigliatura dell’olio, mi domandava sempre come fosse. 

[Continua a leggere]

 

Caro Osvaldo

da Centro Studi Opìfice

1. Tu sì che capisci le donne
Quando posso ritardo di mezz’ora – bastano anche solo venti minuti – e sorrido perché c’è una signora coi capelli brizzolati e corti; sorride di riflesso e fa un cenno con la testa, tutte le volte, a quelli che entrano e si girano attorno per cercare un posto a sedere; ti guarda come se ti stesse aspettando. In metropolitana non incrocio lo sguardo di nessuno: al lunedì mattina ci sono i pendolari, quelli che vanno a lavorare, gli studenti del Politecnico e non c’è posto per nient’altro.

[Continua a leggere]

Ho partecipato a: